Torna alla home page

INFORMAZIONI CORONAVIRUS

21 Gennaio 2021

Covid-19: Sulla Gazzetta ufficiale le nuove misure in vigore dal 16 gennaio 2021

Ance Pavia

Sulla Gazzetta ufficiale n. 10 del 14 gennaio 2021 è stato pubblicato il decreto-legge 14 gennaio 2021, n. 2 recante “Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e di svolgimento delle elezioni per l’anno 2021”. Le disposizioni del DPCM entrano in vigore dal 16 gennaio 2021 e restano efficaci fino al 5 marzo 2021. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 12 del 16 gennaio 2021 sono state inoltre pubblicate quattro nuove Ordinanze, tutte datate 16 gennaio 2021, con le quali il Ministro della Salute ha previsto una nuova suddivisione in colori per gran parte delle Regioni e Province autonome del nostro Paese.

Il testo, costituito da 6 articoli, proroga al 30 aprile 2021, il termine entro il quale potranno essere adottate o reiterate le misure finalizzate alla prevenzione del contagio ai sensi dei decreti-legge n. 19 e 33 del 2020.

Nuove misure dal 16 gennaio al 5 marzo 2021 (art. 1)

L’articolo 1 del DPCM in esame dispone le seguenti misure di contenimento:

• l’obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, che vanno obbligatoriamente indossati nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto, ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o le circostanze di fatto, sia assicurata continuativamente la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi. Non sono soggetti all’obbligo coloro che stanno svolgendo attività sportiva, i bambini al di sotto dei 6 anni, nonché i soggetti con patologie o disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti. L’uso della mascherina è fortemente raccomandato anche nelle abitazioni private in presenza di persone non conviventi.

Sono fatti salvi i protocolli e le linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, con la conseguenza che nei luoghi di lavoro continuano ad applicarsi le vigenti regole di sicurezza, nonché le linee guida per il consumo di cibi e bevande;

• l’obbligo di mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;
• dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute;
• è in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi;

• NOVITA’ in ambito regionale restano consentiti gli spostamenti verso una sola abitazione privata abitata, tra le ore 5.00 e le ore 22.00, una volta al giorno e nei limiti di 2 persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi. Da tale conteggio continuano ad essere esclusi i minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e le persone conviventi con disabilità o non autosufficienti.

• dal 16 gennaio fino al 15 febbraio 2021, resta in vigore il divieto di spostarsi tra Regioni o Province autonome diverse, salvo che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È sempre consentito fare rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

• è istituita una cosiddetta area “bianca”, nella quale si collocano le Regioni con uno scenario di “tipo 1”, un livello di rischio “basso” e una incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. In area “bianca” non si applicano le misure restrittive previste dai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) per le aree gialle, arancioni e rosse ma le attività si svolgono secondo specifici protocolli. Nelle medesime aree possono comunque essere adottate, con DPCM, specifiche misure restrittive in relazione a determinate attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico.

Piano vaccinale (art. 3)

Elezioni suppletive e permessi di soggiorno (artt. 4 e 5)

Per ultimo, con gli articoli 4 e 5, in considerazione del permanere dell’emergenza e dell’evoluzione del quadro epidemiologico, su tutto il territorio nazionale:

• le elezioni suppletive per i seggi della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica dichiarati vacanti entro il 28 febbraio 2021 si svolgono entro il 20 maggio 2021;
• le elezioni dei Comuni i cui organi sono stati sciolti ai sensi dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, già indette per le date del 22 e 23 novembre 2020, sono rinviate e si svolgono entro il 20 maggio 2021. Fino al rinnovo degli organi di cui al primo periodo è prorogata la durata della gestione della commissione straordinaria;
• i permessi di soggiorno in scadenza entro il 30 aprile 2021 sono prorogati alla medesima data.

Si allega: d.l. 14 gennaio 2021

Allegati

Leggi e scarica l'allegato

Notiziario n. 30 - 2021